L'ideologia guerrasessista ha condizionato fortemente la seconda metà del secolo scorso  e nonostante i suoi principi siano stati sconfessati dalla psicologia evoluzionista ancora oggi condiziona il dibattito politico.  

 

 

Origine del problema

Una delle grandi utopie del secolo scorso era stata generata dall’errata convinzione che gli esseri umani fossero una tabula rasa alla nascita ovvero fossero completamente riscrivibili tramite l’educazione e la cultura.  

L’idea di creare l’uomo nuovo frutto di una pianificazione a tavolino ha generato diverse esperienze profondamente negative di cui il tristemente famoso Pol Pot è stato solo uno dei massimi interpreti.

Frutto di quegli anni è anche il dibattito sul rapporto tra i due sessi che è stato profondamente condizionato da questa impostazione in tutti i suoi aspetti.  Con un mix di vittimismo militante e di forti pressioni proprio su educazione e cultura tutto quel mondo mirava a creare il “paradiso” in terra dove uomini e donne divenissero indistinguibili al pari delle folle di cinesi nelle loro divise anonime dove distinguere un maschio da una femmina era difficilissimo.

Considerando le scarse conoscenze del secolo scorso la cosa poteva anche essere comprensibile però nonostante gli sforzi addirittura titanici in paesi come la Norvegia le cose non sono andate come si erano auspicati e anzi spesso le differenze si sono ampliate (ad esempio la maggioranza degli iscritti ad ingegneria sono maschi e la maggioranza degli iscritti a lettere sono femmine e questo schema è maggiormente vero  in Norvegia che nei paesi in via di sviluppo dando origine a quello che viene comunemente definito come il paradosso norvegese).

Perché i sessi non sono diventati indistinguibili nei loro ruoli, aspirazioni e bisogni? A partire dall’inizio del nuovo millennio irrompe prorompente nel dibattito scientifico la psicologia evoluzionista che afferma senza mezzi termini che la società può solo ampliare le differenze che già esistono in natura ma non le può creare dal nulla.  In pratica i due sessi tendono sempre ad autoregolarsi nella maniera evolutasi nei millenni ed è per questo che le politiche, anche le più aggressive, teorizzate dagli studi di genere hanno fallito.

Il variegato mondo che aveva creduto a quelle teorie invece di accettare il fatto che la loro base teorica fosse fallace è entrato in una fase isterica per cui da un lato ha enormemente incrementato il vittimismo militante dando la colpa dei fallimenti ad astratte entità e ha sviluppato complottistiche teorie e dall’altro ha cercato di ostacolare la trionfale ascesa della psicologia evoluzionistica.

 

Kenrick Douglas, (uno dei primi a scoprire la psicologia evoluzionistica), racconta con le seguenti parole l'opera di censura operata sui suoi lavori.

"Benchè i nostri risultati sulla dominanza e l'attrattiva fossero chiari e attendibili, occorsero più di dieci anni per farli pubblicare.  A nostra insaputa, a quel tempo gli eserciti del politically correct erano impegnati ad epurare il mondo accademico con le energie combinate dei rivoluzionari culturali di Mao Tse Tung e dei crociati sessuofobi di 1984 di George Orwell.  Sadalla, Vershure e io intendevamo applicare semplicemente agli esseri umani concetti evoluzionistici chiariti negli animali, ma quando cercammo di pubblicare i nostri risultati scoprimmo che in realtà stavamo commettendo dei veri e propri reati d'opinione , come si espresse una specialista che valutò la pubblicazione del nostro primo studio: "come femminista e come studiosa, sento il dovere di proteggere i lettori meno preparati di una rivista da questo tipo di pensiero intrinsecamente maschilista".  Le nostre scoperte furono giudicate così pericolose da suscitare il desiderio di proteggerne anche altri ricercatori! Sembrava davvero che io avessi letto della pornografia intellettuale, e che suor Katherine Mary mi avesse colto con le mani nel sacco."

Attualmente sempre più università cancellano i corsi relativi agli studi di genere che però conservano un forte credito presso la politica.

 

Cosa è l’ ideologia guerrasessista

Per una definizione accurata ho preferito copiare in fondo all’articolo il testo scritto dal giornalista e filosofo Fabrizio Marchi perché molto esaustivo soprattutto per quanto riguarda la genesi storica del fenomeno e rimando i più interessati a quella sezione.

Sostanzialmente l’ideologia guerrasessista non fa altro che copiare l’idea marxista della guerra di classe riciclandola nella guerra tra i sessi.  

La tesi portante di questa ideologia è che storicamente i sessi si sarebbero fatti sempre la guerra e dichiarano eretico chi sostiene che in realtà uomini e donne hanno sempre collaborato sia pure con compiti diversi al successo di quel nucleo sociale fondamentale chiamato famiglia e di conseguenza al successo delle società del passato.

 

Non è possibile quindi superare la società tradizionale?

 

La questione in realtà è complessa.  Se in passato l’organizzazione sociale tradizionale ha permesso ai nostri avi di sopravvivere proprio perché adatta a dare risposte alle terribili condizioni umane, (giusto per fare un esempio tra il ‘500 ed il ‘600 una persona si sarebbe trovata a fronteggiare: grandi epidemie, prime tra tutte peste e sifilide ; piccola glaciazione con inverni rigidi e carestie; guerre di religione; mortalità infantile a livelli inimmaginabili per noi; vita media tra i 35 e i 40 anni ecc. ), oggi noi, grazie alla tecnologia e alle macchine,  possiamo permetterci il lusso di cambiare.

Poiché continuare a destinare le risorse femminili alla produzione massiva di figli è inutile e pure dannoso e non si può sprecare quel potenziale c’è una forte pressione per una riconversione forzata del mondo femminile verso la produzione di beni e servizi ma nonostante gli sforzi profusi solo il 20% circa delle donne considera la carriera importante mentre il 60% vuole conciliare lavoro e famiglia e un altro 20% circa non vuole lavorare ma ricoprire il tradizionale ruolo materno e casalingo.

Anche all’interno del rapporto di coppia non va meglio, nonostante mille sforzi le coppie tendono a seguire sempre i ruoli evolutisi nei millenni.

La risposta al quesito è in realtà abbastanza semplice, come tra l’altro ci dicono gli psicologi evoluzionisti.  La nostra natura possiamo paragonarla ad un fiume, mettere muri  di cemento e imbrigliarlo lo porterà a rompere gli argini e a fare danni con le periodiche inondazioni. Il fiume va guidato rispettandolo ed amandolo.  Lungo il percorso ci saranno dei massi che non si può abbattere a testate ma bisognerà segnalare e aggirare.

Fuori di metafora, cambiare si può però bisogna farlo insieme e bisogna riconoscere che la nostra natura, i nostri bisogni, i nostri istinti non coincidono perché maschi e femmine sono diversi.

Conoscere prima di tutto e poi adattarsi al cammino è l’unica vera strada vincente.

 

Il guerrasessismo è subdolo.

Finora non ho mai usato la parola femminismo, (pur essendo innegabile che l’attuale impostazione dominante del femminismo sia chiaramente guerrasessista), perché l'ideologia guerrasessista si nutre del conflitto e quindi anche i gruppi maschili che fanno notare i problemi maschili , (ad esempio le guerrasessiste si lamentano che alle donne è stato impedito di fare la guerra , in realtà non è proprio vero basti pensare a Giovanna d’Arco, e gli Mra ribattono che gli uomini sono sempre stati costretti a fare la guerra  ecc.)  finiscono per essere di fatto anche loro guerrasessisti sia pur senza   rendersene conto.

Ricorrere a tutto l’armamentario già ampiamente rodato del vittimismo militante e del confronto fine a se stesso non solo rende più forte il mostro ma distoglie l’attenzione dai veri problemi.

Ad esempio quando si fa notare che esistono e sono anche molto numerosi gli uomini vittima di violenza femminile si finisce sempre in una gara macabra all’ultimo assassinio che distoglie dal vero grave problema ovvero:

Tutte le teorie sulla violenza in famiglia e più specificatamente tra partner si basano su dati arbitrariamente selezionati perché prendono in considerazione solo i delitti uomo verso donna e scartano arbitrariamente quelli donna verso uomo.  

Pensate per un attimo se una azienda farmaceutica volesse vendere un farmaco la cui efficacia è stata certificata prendendo in considerazione solo i test in cui veniva dimostrata e scartando quelli in cui avrebbe potuto essere negata.  Vi sembrerebbe corretto come metodo?

In pratica la politica sta investendo quantità enormi di denaro  sulla base di teorie basate su dati arbitrariamente selezionati e quindi per definizione fallaci.

 

Altro esempio :  ricordare William Pezzullo (vedi foto a lato) barbaramente sfregiato dalla sua ex con l’acido e ricordare che nessuno se ne occupa e anzi viene nascosto dai mass media e che mentre nel simile caso della Annibali l’ex è stato giustamente condannato a 20 anni di galera mentre nel caso Pezzullo la sua ex è stata condannata a 10 anni  ai domiciliari insistendo sul sessismo giudiziario e sul fatto che a parità di reato le donne prendono pene almeno del 60% inferiori oppure ricordare i tanti ragazzi sfregiati dalle ex per dargli visibilità  fa dimenticare un problema gravissimo di cui i nostri politici dovrebbero vergognarsi ovvero che a Pezzullo e agli altri vengono negate dal sistema sanitario nazionale le cure per recuperare una parvenza di vita normale perché considerate cure estetiche.  In pratica gli interventi sulle gravi ustioni frutto della vile aggressione vengono paragonati ad un intervento estetico per modellare un naso poco gradevole e questo è veramente osceno!

Mica state facendo un favore a questi ragazzi che chiedono di poter essere operati senza doversi vendere tutto.  Le operazioni estetiche al seno delle donne operate di tumore sono GIUSTAMENTE a carico del sistema sanitario nazionale (nota 1), perché questa terribile discriminazione? Se ci si concentrasse di più su questo aspetto dubito fortemente che le tante persone per bene non provino sdegno e magari facciano cambiare opinione ai nostri politici.  Insistere sulla discriminazione degli uomini aggrediti con l'acido dalle loro ex porta solo a renderli ancora più invisibili perchè l'argomento non è politicamente corretto e quindi logicamente viene invisibilizzato.  

 

 

Non è possibile allora vincere l’ideologia guerrasessista?

Se non fai nulla il mostro prospera, se ti metti a riportare anche le problematiche maschili e le magagne femminili come fanno gli Mra (Men's Rights Activism) allora nutri il mostro.  In queste condizioni sarebbe veramente impossibile abbatterlo.

L’unica strada è prima di tutto conoscere e riconoscere il mostro e poi evitare il conflitto fine a sé stesso tanto non porta a nulla, una persona ideologicamente condizionata non è un interlocutore valido.  

Poichè è vero che si può ingannare molte persone per poco tempo o poche persone per molto tempo ma non si può ingannare molte persone per molto tempo ecco che le fallaci teorie del secolo scorso hanno sempre meno credito nonostante lo sforzo dei mass media e della politica di accreditarle e sono usciti diversi lavori molto importanti di ricercatrici o giornaliste (purtroppo solo donne e questo dimostra quanto sia tabu il tema) in cui la violenza in famiglia viene analizzata in modo scientificamente più corretto, cito a memoria Glenda Mancini, Daniela Bandelli e cito l’ultimo lavoro di Barbara Benedettelli “50 sfumature di violenza” in cui già dalla copertina chiarisce che si occupa di entrambi i fenomeni del femminicidio e del maschicidio, (termini che reputo orrendi e che non significano nulla in quanto esistono solo i delitti in famiglia ma purtroppo sono entrati  nel linguaggio corrente).

Molto interessante e importante è invece il documentario di Cassie Jaye, nota per i suoi documentari su temi trattati secondo i dettami del politicamente corretto e femminista che inizia questa impresa per attaccare gli Mra ma che finisce per diventare una riflessione sul suo essere femminista e sulla necessità di assumere una visione più distaccata ed obiettiva.

Consiglio vivamente di guardarlo ->

 

Insomma non è vero che il mostro dell’ideologia guerrasessista non si possa sconfiggere è solo molto complicato farlo.  Bisogna trovare un equilibrio che permetta di informare correttamente senza cadere nel vittimismo militante e già questo non è propriamente facile.  Bisogna conoscere il mostro, sapere di cosa si nutre e cercare di non alimentarlo.
 

 

Definizione di guerrasessismo di Fabrizio Marchi

 

"Il “guerrasessismo” è un’ideologia sessista e razzista, anche se abilmente camuffata sotto le false spoglie dell’emancipazione e della liberazione della donna.

 Il guerrasessismo prende arbitrariamente in prestito la dialettica hegelo marxiana, sostituendo il conflitto di classe con il conflitto fra i sessi.

Si tratta di un vero e proprio “copia-incolla” dal punto di vista filosofico, che ha come obiettivo quello di sostenere che le donne, tutte, sempre, comunque e dovunque, siano state e continuino ad essere le oppresse e le discriminate, e gli uomini, tutti, siano stati e continuino ad essere gli oppressori e i privilegiati, sempre, comunque e dovunque.

Tutto ciò indipendentemente dall’appartenenza sociale, dalle condizioni economiche, ambientali, sociali, familiari, culturali in cui donne e uomini possono essersi venuti a trovare o possano venire a trovarsi. E’ evidente quindi come il guerrasessismo sia, nei fatti, un’ideologia profondamente interclassista. Da questo punto di vista, anche se non ufficialmente ammessa e riconosciuta (al fine di non perdere credibilità filosofica) la rottura con il marxismo è netta e radicale, né potrebbe essere altrimenti.

Naturalmente questo è solo uno dei filoni storico-ideologici del guerrasessismo, quello che nasce e si afferma fondamentalmente all’ interno della “sinistra” “sessantottina” e post “sessantottina” per lo più nei paesi europei di cultura non anglosassone come l’Italia, la Francia e la Spagna, o comunque dove la presenza della sinistra (sia quella “storica”, comunista o socialdemocratica, che quella “nuova”) era più robusta, fino ad essere addirittura egemone sotto il profilo culturale in determinate fasi, sia pur brevi, storicamente parlando .

 

C’è poi un altro filone fondamentale che ha tutt’altra genesi, ed è quello di matrice “anglosaxon”. Quest’ultimo nasce come una vera e propria ideologia di genere, e non ha alcun riferimento né dal punto di vista storico-politico né tanto meno da quello filosofico o ideologico, con il marxismo o più in generale con le culture nate dal movimento operaio.

Nasce e si afferma prevalentemente negli USA per poi sbarcare quasi contestualmente in UK e in altri paesi nord europei. Naturalmente questi due filoni finiscono inevitabilmente per mescolarsi e sovrapporsi in una gran parte dei casi fino al punto che è difficile ormai operare un cesura netta fra i due. Al loro interno (è ovvio che sto semplificando all’inverosimile) si sono poi sviluppate una serie di correnti e sottocorrenti (femminismo dell’eguaglianza, della differenza ecc. ).

Difficile stabilire quale dei due (anche perché, come abbiamo visto, sono ormai del tutto mescolati) sia il più aggressivo e potente. Di fatto questa diversificazione non ha quasi più senso perché il guerrasessismo è quel movimento reale che si afferma all’interno del sistema capitalistico occidentale a partire dagli anni 60’ in poi, fino a diventarne uno dei mattoni ideologici fondamentali. Il guerrasessismo, nella pressochè unanimità, afferma che la violenza sia di esclusiva pertinenza maschile.

Per evitare l’inevitabile accusa di sessismo e razzismo che una simile affermazione contiene in sé, il guerrasessismo afferma che questa situazione sia causata da un portato culturale, essendo il mondo da sempre dominato dalla cultura patriarcale e maschilista. Ma questa è una forzatura del tutto priva di fondamento per la semplice ragione che è impossibile separare la natura dalla cultura.

 

Gli uomini e le donne sono infatti enti naturali e culturali nello stesso tempo. Se si operasse questa cesura in modo così netto, si cadrebbe inevitabilmente in una sorta di ontologismo assoluto, da una parte, e di culturalismo/storicismo assoluto, dall’altra. Due forzature filosoficamente improponibili, per quanto mi  riguarda. 

Alla luce di questa considerazione, risulta quindi evidente che attribuire al solo genere maschile la responsabilità della violenza, è un affermazione oggettivamente razzista e sessista, appunto perché è impossibile separare la sfera ontologica da quella culturale (e viceversa).

Riassumendo, il guerrasessismo si rivela quindi come una ideologia interclassista, sessista e razzista che ha come obiettivo quello di dimostrare che il genere femminile sarebbe dotato di una “specificità di genere” (quindi siamo sul piano necessariamente ontologico) che renderebbe le donne “migliori” degli uomini. Partendo infatti da questi presupposti, in primis il fatto che la “violenza è maschile” si afferma implicitamente (ma anche esplicitamente) che le donne sono incapaci non solo di praticare ma anche di concepire la violenza. In conseguenza di ciò, se il mondo fosse stato dominato dalle donne – questo il paradigma – non ci sarebbero stati conflitti, guerre, sfruttamento, oppressione. L’ulteriore e necessaria conseguenza di questo modo di procedere e di ragionare è che in virtù di ciò il genere femminile, deve diventare egemone (dominante). Il tutto ovviamente camuffato sotto le (false) bandiere dell’eguaglianza e della liberazione dell’umanità da ogni forma di oppressione e discriminazione.

 

 

 

 nota 1

http://www.airc.it/cancro/dopo-cura/ricostruire-seno/?altTemplate=MobileInternal#.WiGwIEribIV

 

Lascia i tuoi commenti

Posta commento come visitatore

0
I tuoi commenti sono soggetti a moderazione da parte degli amministratori.
  • Nessun commento trovato

Seguici su Facebook

Ultimi commenti

Ospite - Johnny
Interessante. Alla fine non ho capito se davvero l'uomo ha più desiderio della donna. Io, ad esempio...
Ospite - #martino
buongiorno, l’articolo è interessante , mi ha fatto riflettere e tuttavia mi trovo in disaccordo su ...
Ospite - luisa
Beh io sono passata da fortunata inconsapevole a " sfortunata " consapevole ! Ce l'ho messa tutta ! ...
Il commento si pone su un piano razionale ma se esiste una cosa su cui tutte le scuole di psicologia...
Ospite - laura
L'articolo gia parte male. Salete cosa? Scambierei mille volte uscire a buttare la spazzatura e fare...

I link di Sublimia!

Altri link...

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.